Dall’arrivo dell’euro, famiglie più indebitate. Il conto è allarmante: +140 per cento

L’introduzione della moneta unica ha “contribuito a far impennare i debiti, non tanto per aver spinto all’insù il costo della vita, ma per aver contribuito a far scendere i tassi di interesse praticati dalle banche nella prima parte del decennio scorso”. Se tra il 1991 ed il 2001 i tassi medi applicati dagli istituti di credito al settore privato si attestavano all’11,2%, onteggia la Cgia, tra il 2002 ed il 2012 sono scesi al 5,5%. Questa opportunità ha spinto moltissime famiglie ad indebitarsi attraverso l’accensione di un mutuo per l’acquisto della prima o della seconda casa, almeno fino all’inizio della crisi… <<<leggi>>>

http://www.repubblica.it/economia/2013/01/26/news/dall_euro_famiglie_pi_indebitate_del_140_per_cento-51325815/

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *